La Michelangelo Foundation presenta
La Michelangelo Foundation presenta

Sapientia et Pulchritudo

Percorsi Europei d'Arte Musicale

In occasione delle giornate conclusive di Homo Faber (28, 29 e 30 Settembre), la Michelangelo Foundation è lieta di presentare tre concerti che avranno luogo nella magnifica Basilica di San Giorgio. Sviluppati in collaborazione con la comunità di monaci benedettini che ancora risiedono nell’abbazia sull’isola, e con la loro ONLUS Benedicti Claustra, i concerti (ognuno dei quali evoca il nome di una delle mostre di Homo Faber) sono stati pensati come una celebrazione di quello scambio fertile e generativo di talenti e competenze che, tra il XVI e il XVIII secolo, fece di Venezia una capitale europea della musica. I concerti hanno inizio alle 20 e sono a ingresso gratuito.

Scarica il programma

28-30 settembre - 3 Concerti
28 settembre  |  20:00  |  Gratuito EVOLUZIONE DELLA FORMA Alessio Corti, Ginevra Merulo, Gabrieli, Arauxo, Sweelinck, Frescobaldi, Pescetti, Bach Dall'idea al progetto in partitura. Dal progetto alla materia sonora, attraverso la traduzione sempre viva dell'interprete. Se già l'esecuzione musicale appare tanto vicina a una manifattura artistica e al concetto di design, il programma di Alessio Corti aggiunge due ulteriori fattori di forte creatività: la variazione sullo stesso tema melodico, data negli stili italiano, spagnolo e fiammingo da autori finemente legati al genius loci e ugualmente di calibro universale, come Frescobaldi, Storace, Cabezón, Arauxo, Sweelinck; e la trascrizione per tastiera di un intero concerto per archi di Vivaldi, con la necessità dunque di adattamento, ugualmente autentico e originale, del progetto e della materia a un nuovo strumento. A opera di Johann Sebastian Bach. Alessio Corti, uno dei più acclamati interpreti dell’opera per organo di Johann Sebastian Bach, è Professore d’Organo e Improvvisazione al Conservatorio Superiore di Ginevra. Alessio Corti
29 settembre  |  20:00  |  Gratuito Best of Europe Ensemble Vocale Harmonia Cordis diretto da Walter Testolin, Milano Josquin, Morales, Palestrina, Victoria, Aichinger, Sweelinck, Schutz, Duruflé, Pärt Un percorso culturale nella polifonia del XVI secolo attraverso la Parola e l'anno liturgico: questa la proposta dell'Ensemble milanese Harmonia Cordis, che in omaggio alla sua provenienza esordisce con lucernario e inno ambrosiani. Josquin apre le porte al Rinascimento musicale, l'Italia ne compie la definizione e la lezione si sviluppa in tutta Europa. Tra Roma e Venezia assume tratti distintivi che diverranno scuole grandiose e imprescindibili per tutta la musica a venire: nella Spagna del Siglo de Oro, tra Morales, Guerrero e Victoria; dalla laguna veneta al nord Europa, attraverso le vie già segnate di Augsburg, Monaco e Dresda, vestono abiti tedeschi e mettono radici salde per nuova pianta, per ritornare, rinnovate e cariche di frutti, alle Fiandre. L’Ensemble Vocale Harmonia Cordis anima il Festival dell’Ascensione, dedicato alla Musica Antica, e si è affermato come uno dei più interessanti interpreti di polifonia sacra del Rinascimento. Harmonia Cordis
30 settembre  |  20:00  |  Gratuito Scoprire e... Riscoprire Conservatorio “Benedetto Marcello”, Venezia Kapsberger, Foggia, Frescobaldi, Peruchona, Schutz, Tunder Autori di spessore e di non usuale presenza nei programmi concertistici, che meritano una riscoperta, caratterizzano la proposta del Dipartimento di Musica Antica del Conservatorio di Venezia. Il richiamo a Venezia è segnato dalla presenza attiva dei compositori in laguna o dal riferimento formale alla sua scuola, che è fondante dell'estetica pre-barocca del Seicento nordeuropeo. Dalle espressioni di Kapsberger, Foggia, Graziani fino alla restituzione tedesca di Schütz e Tunder, tale legame artistico e territoriale, stretto e nuovo, originario e innovativo allo stesso tempo, chiaro sulla carta diventa chiaro anche all'orecchio. Ancora una volta, quando l'idea diventa materia: nel suono Conservatorio di Venezia

Abbazia di San Giorgio Maggiore
Benedicti Claustra Onlus

Nel 982 il doge Tribuno Memmo donò l’isola di San Giorgio al monaco benedettino Giovanni Morosini che fondò il monastero e ne divenne il primo abate. Il monastero crebbe a tal punto da diventare uno dei maggiori centri europei in campo teologico culturale e artistico. L’attuale Basilica progettata da Andrea Palladio, venne completata nel 1610 dagli architetti Scamozzi e Sorella ed inaugurata nello stesso anno. L’interno è arricchito da tele di Jacopo e Domenico Tintoretto, Palma il Giovane, Vittore Carpaccio e da sculture di Girolamo Campagna e Niccolò Roccatagliata. Dietro l’altare maggiore si erge il coro ligneo realizzato da Gaspare Gatti e Albert Van Der Brulle. Attualmente la comunità di San Giorgio è canonicamente una casa dipendente dall’Abbazia di Praglia.

Il ramo Onlus dell’Abbazia di San Giorgio Maggiore, fondato nel 2013 – sotto la denominazione di BENEDICTI CLAUSTRA ONLUS – svolge un’attività di utilità sociale nelsettore della tutela, promozione e valorizzazione dei luoghi di interesse storico - artistico,con particolare riferimento al patrimonio culturale rappresentato dall’Abbazia di San Giorgio Maggiore. La Benedicti Claustra onlus nasce dallo spirito d’intraprendenza e dalla volontà chiara e determinata dei monaci benedettini di promuovere e sostenere progetti per la conservazione e lo sviluppo dell’arte e della ricerca artistica, da sempre canali privilegiati per l’evangelizzazione e la crescita di un autentico umanesimo.

A cura di:
Noema

NOEMA Associazione per lo studio e la promozione della cultura musicale nasce all’inizio del 2013 a Milano, con l’intento di creare uno spazio, fisico e ideale, dedicato allo studio, al confronto e alla riflessione sulla musica, sia nella sua dimensione intrinseca, sia in relazione con le altre arti e gli ambiti sociali e professionali che a essa sono collegati.

Noema Associazione